10 Cliniche nel Lazio | Chiama ora: +39 351 534 8206
10 Cliniche nel Lazio | Chiama ora: +39 351 534 8206
Comunicazione
Coronavirus
Comunicazione
Coronavirus 2

Il tartaro è un nemico pericoloso sia per i denti che per le gengive: è costituito dall’insieme dei depositi minerali che si annidano intorno ai denti e per questo motivo risulta impossibile rimuoverlo con il lavaggio tramite il semplice spazzolino.

Il tartaro, però, se non viene rimosso quanto prima, può portare diverse problematiche, come infiammazioni alle gengive o alitosi. Per questo motivo, con questo articolo di approfondimento, vediamo più nel dettaglio che cos’è il tartaroperché si forma, come toglierlo e anche quali sono le cause e le conseguenze.

Inoltre, coloro che si domandano come rimuovere il tartaro ai denti potranno trovare un’accurata risposta ai loro interrogativi. A tal proposito, infatti, relativamente al territorio del Lazio, il consiglio è sicuramente quello di rivolgersi a un professionista odontoiatra qualificato: il Dott. Francesco Saba, responsabile delle Cliniche Odontoiatriche Francesco Saba.

Che cos’è il tartaro e perché si forma

Prima di parlare più nel dettaglio del perché si forma il tartaro sui denti, è necessario specificare meglio che cos’è il tartaro.

Il tartaro dentale è, infatti, un deposito solitamente di colore giallo o marrone, che si forma attorno ai denti, aderendo al di sopra del bordo gengivale (tartaro sopra gengivale) o al di sotto di quest’ultimo (tartaro sotto gengivale).

Nei denti il tartaro si forma per via di un accumulo di depositi minerali i quali, per via di un processo di mineralizzazione della placca batterica, vi aderiscono cristallizzandosi, se quest’ultima non viene prontamente rimossa.

La causa principale della formazione è, quindi, da imputarsi a una cattiva igiene orale: quando i residui di cibo non vengono rimossi, questi vengono attaccati dai batteri, formando la placca batterica. A lungo andare, la placca si accumula e, dopo essersi cristallizzata, diventa tartaro risultando così irremovibile attraverso il lavaggio dei denti con il normale spazzolino.

Per tale motivo, quindi, risulta chiaro che soltanto il dentista può rimuovere completamente il tartaro, andando a effettuare con appositi strumenti un processo di rimozione che è chiamato detartrasi o ablazione tartaro. Di questo proposito, però, ce ne occuperemo più avanti: scopriamo adesso quali sono le conseguenze del tartaro e anche cosa fare per prevenirne la formazione.

A lungo andare il tartaro ai denti può comportare gravi conseguenze: tra le problematiche più comuni che insorgono a seguito della presenza di depositi tartarici vi sono le carie e la parodontite, ossia l’infiammazione delle gengive.

Pertanto, a fronte di quanto premesso, è di fondamentale importanza prevenire la formazione del tartaro, attuando una corretta igiene orale: non solo bisogna lavarsi i denti a ogni pasto, ma è anche importante utilizzare, assieme allo spazzolino e allo scovolino, il filo interdentale e il collutorio.

Non da meno, è importante effettuare, all’incirca ogni 6-12 mesi, delle visite dentistiche di controllo, affinché il professionista odontoiatra possa occuparsi di rimuovere il tartaro nei denti tramite la detartrasi.

Come e dove togliere il tartaro ai denti

Una volta note le cause e le conseguenze del tartaro sui denti, molte persone si domandano come toglierlo e se è possibile farlo in casa, senza andare dal dentista, con rimedi naturali.

A tal proposito bisogna subito chiarire che non è possibile utilizzare dei rimedi casalinghi fai da te per rimuovere il tartaro ai denti. L’unico intervento efficace è, infatti, quello del dentista che, attraverso l’impiego di strumenti a ultrasuoni, rimuove il tartaro andando anche a effettuare una pulizia completa dei denti.

Pertanto, se si desidera effettuare un intervento dentistico di detartrasi, ma anche per qualsiasi altra problematica in ambito dentistico, è consigliato consultare un professionista odontoiatra qualificato.

Nello specifico, relativamente al territorio del Lazio, per esempio per effettuare una pulizia dei denti a Roma, il punto di riferimento è senz’altro il Dott. Francesco Saba, responsabile delle Cliniche Odontoiatriche Francesco Saba le quali sono situate anche a Latina, Frosinone, Ostia e Nettuno.

Le Cliniche Odontoiatriche Francesco Saba, infatti, offrono diversi trattamenti in ambito dentistico e, grazie alla presenza di moderne tecnologie oltre che di un personale specializzato, è possibile avvalersi del miglior servizio dentistico possibile.

Pertanto, rivolgendosi all’apposito servizio di prenotazione o chiamando il numero di telefono della sede più vicina, è possibile prenotare uno o più trattamenti in ambito dentistico, tra cui anche la pulizia dentale professionale, la quale è appositamente indicata per rimuovere i residui di placca e tartaro che si sono depositati sui denti.

Se hai ancora dei dubbi o desideri maggiori informazioni a riguardo, non esitare a contattarci: saremo felici di rispondere ad ogni tua domanda!